martedì 22 novembre 2016

Freddie Mercury


Freddie Mercury
25 anni fa moriva 
Il carismatico cantante della rock band britannica dei Queen morì
 prematuramente per colpa dell'aids

Giovedì 24 novembre saranno i 25 anni della morte della voce dei Queen, ancora oggi una delle icone più potenti prodotte dalla cultura Rock. Persino nella morte prematura Freddie Mercury ha lasciato un segno, stroncato dall'Aids quando le terapie che oggi permettono di convivere con la malattia erano ancora di là da venire. Persino un superdivo multimiliardario che aveva clamorosamente portato i codici della teatralità gay sui palchi del rock aveva vissuto la sua omosessualità come un fatto privato, così come aveva tenuto nascosta per anni la sua malattia. La morte prematura per i divi è il passaporto per il mito. Ma in fondo, se si vuole sintetizzare, ciò che rendeva così speciale Freddie Mercury era proprio il fatto che portasse in scena il suo mito. Tecnicamente è stato un cantante strepitoso e un performer con pochi rivali, tra rock e lirica. Se lo ricorda bene chiunque abbia visto Live Aid, dove, per giudizio unanime, il set dei Queen fu considerato di gran lunga il migliore.
.
.
In questo video i Queen con 'Radio Ga Ga' al festival di Sanremo '84
.

Queen - Live at LIVE AID 1985/07/13

.
.
Queen-live at Wembley Stadium 12-07-1986 Saturday
(25th Anniversary Edition)
  Concert complet
.
 
.


.

mercoledì 2 novembre 2016

Canone Rai



Canone Rai, non è arrivato in bolletta o non hai pagato? 
Sanzioni fino a 600 euro
Hai l'ESENZIONE?

Se il canone Rai non è arrivato in bolletta, ma possiedi un televisore a casa, avresti dovuto pagarlo con il modulo F24 entro il 31 ottobre 2016. Per chi non l’ha fatto, ora c’è il rischio di incorrere in una sanzione fino a 600 euro. Una buona notizia però arriva per il 2017, con la tassa sulla televisione che nella legge di Bilancio è stata tagliata da 100 a 90 euro.
Antonella Donati su Repubblica spiega che tutti coloro che possiedono un televisore in casa, ma non sono intestatari di un contratto di fornitura elettrica, avrebbero dovuto pagare il canone Rai con il modello F24. Un pagamento dovuto anche da coloro che pur possedendo una televisione non si sono visti arrivare l’addebito in bolletta, come ad esempio coloro che vivono nelle isole che non sono allacciate alla rete nazionale elettrica, cioè Ustica, Tremiti, Levanzo, Favignana, Lipari, Lampedusa, Linosa, Marettimo, Ponza, Giglio, Capri, Pantelleria, Stromboli, Panarea, Vulcano, Salina, Alicudi, Filicudi, Capraia e Ventotene.
Tale metodo di pagamento valeva anche per i residenti dei Comuni di Anversa degli Abruzzi, Castel Del Monte, Pacentro, Rocca Pia, Santo Stefano di Sessanio. Ci sono poi altri casi particolari in cui si sarebbe dovuto pagare l’F24 entro il 31 ottobre:
“Si tratta ad esempio di più famiglie che vivono in immobili nei quali è presente un solo contatore elettrico, come genitori e figli sposati che abitano in due appartamenti diversi e con diversi stati di famiglia, dal momento che è dovuto un canone per ogni nucleo familiare. Dovranno pagare anche figli che abitano nella seconda casa dei genitori e hanno lì la residenza come un’autonoma famiglia anagrafica, ma hanno conservato il contratto della luce intestato ad uno dei genitori. Pagamento dovuto anche dai portieri che risiedono nella casa messa a disposizione dal condominio titolare dell’utenza elettrica”.
Se però non avete pagato, ci sono delle sanzioni a cui si va incontro e le multe sono decisamente salate, spiega ancora la Donati:
“Per gli evasori stanati dall’Agenzia delle entrate, infatti, scatta l’obbligo del pagamento di una sanzione amministrativa da due a sei volte l’importo evaso (si tratta quindi di una sanzione fra i 200 e i 600 euro) oltre all’importo del canone non versato. Tutte le informazioni nelle pagine dedicate al canone sul sito dell’Agenzia delle entrate, o della Rai”.

Ecco in quali casi è prevista l’esenzione.

1) Chi non ha la tv

La prima situazione che consente l’esenzione dall’abbonamento televisivo riguarda i soggetti che, pur risultando i titolari di un’utenza domestica, non possiedono la televisione. Coloro che, infatti, non detengono alcun apparecchio televisivo devono compilare il modulo dell’Agenzia delle Entrate (scarica qui il modulo -  http://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/2016/03/MODELLO-ESENZIONE-CANONE-RAI.pdf ) precisando che in nessuna abitazione, dove è attivata un’ utenza elettrica a loro intestata, si trova una tv.

2) Chi ha 75 anni di età

La seconda situazione in cui viene ammesso l’esonero dal pagamento del canone Rai riguarda i contribuenti che hanno compiuto 75 anni di età, aventi un reddito annuo non superiore a 6.713 euro. L’esenzione, anche per questa categoria, la si può richiedere inviando la dichiarazione sostitutiva, mediante la compilazione dell’apposito modulo reso disponibile dall’Agenzia delle Entrate.

Si precisa, che in tal caso, il modulo deve essere trasmesso una sola volta, non essendo richiesto un invio ogni anno.

3) Categorie particolari

La terza ed ultima casistica di esonero dal canone tv riguarda, infine, alcune precise categorie di lavoratori tra cui:

– agenti diplomatici;

– funzionari e impiegati consolari;

– funzionari di organizzazioni internazionali;

– militari non italiani o personale civile non residente in Italia, di cittadinanza straniera, appartenente alle Forze Nato e di stanza in Italia.

Tutte queste categorie, per via di specifici accordi internazionali, sono pertanto esonerati dal pagamento del canone Rai, tuttavia solo dopo aver presentato il relativo modello di dichiarazione sostitutiva loro riservato, scaricabile sempre dal sito web delle Entrate.

.
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALI
 OGNI DESIDERIO  REALIZZATO 
IL TUO FUTURO ADESSO 
entra in
MUNDIMAGO


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi

Elenco blog AMICI

WAEZE & Miky Lowryder