domenica 10 luglio 2016

MORTO il TORERO invece del TORO


MORTO IL TORERO MESSICANO RODOLFO RODRIGUEZ, 
UN MESE FA ERA STATO INCORNATO

Il torero messicano Rodolfo Rodriguez, detto El Pana, è morto alle ore 18.45 ora locale, di due giorni fa, all’ospedale di Guadalajara. Messico – Rodolfo Rodriguez è deceduto dopo un attacco di cuore. Un mese fa aveva subito una violenta incornata da un toro a Ciudad Lerdo, nello stato di Durango. Il toro lo aveva sbalzato in aria e in seguito alla caduta, il torero ha battuto violentemente il capo a terra riportando la frattura di due vertebre cervicali. Da allora l’uomo è rimasto paralizzato dalla testa in giù sul letto dell’ospedale.  Rodriguez, soprannominato anche lo stregone di Apizaco, in omaggio alla sua città natale e per il suo modo strano di affrontare la corrida, con sigaro in bocca e movimenti inventati, era ricoverato in un ospedale ormai da un mese. Personaggio eccentrico, Rodriguez era nato in una famiglia molto povera. Aveva fatto il contadino, il venditore ambulante e il panettiere, da qui il suo soprannome. Il suo sogno diceva, “era poter morire nell’arena per diventare una leggenda.” Nessuna leggenda, è morto in un letto di ospedale e nell’arena qualcuno ha già preso il suo posto, pronto ad affrontare il toro al posto di El Pana, per poter dire un giorno, sono fiero di aver ucciso!

. .

SIAMO CONTRO LA CORRIDA
.
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALI
 OGNI DESIDERIO  REALIZZATO 
IL TUO FUTURO ADESSO 
entra in
MUNDIMAGO


venerdì 8 luglio 2016

Gesù Cristo Inventato Contro la Ribellione



I governi creano false storie e falsi dei.
 Spesso lo fanno per ottenere un ordine sociale
 che è contro gli interessi della gente comune.


Il Biblista Americano Joseph Atwill apparirà davanti al pubblico britannico per la prima volta a Londra il 19 ottobre per presentare una controversa nuova scoperta: antiche confessioni recentemente scoperte, oggi dimostrano, secondo Atwill, che il Nuovo Testamento è stato scritto da aristocratici romani del primo secolo che hanno fabbricato l’intera storia di Gesù Cristo. La sua presentazione sarà parte di un simposio di un giorno dal titolo “Covert Messiah” alla Conway Hall di Holborn .
.
.
Anche se per molti studiosi la sua teoria sembra stravagante, ed è sicuro che sconvolgerà alcuni credenti, Atwill ritiene la sua prova come conclusiva e confida che la sua accettazione sia solo una questione di tempo. “Presento il mio lavoro con una certa ambivalenza, dato che non voglio causare direttamente alcun danno ai Cristiani”, riconosce, “ma questo è importante per la nostra cultura. I cittadini hanno bisogno di conoscere la verità sul nostro passato in modo che possiamo capire come e perché i governi creano false storie e falsi dei. Spesso lo fanno per ottenere un ordine sociale
 che è contro gli interessi della gente comune.”

Atwill afferma che il Cristianesimo non è iniziato come una religione, ma come un progetto di governo sofisticato, una sorta di esercizio di propaganda utilizzato per pacificare i sudditi dell’Impero Romano. “Sette ebraiche in Palestina, a quel tempo, che erano in attesa di un Messia guerriero profetizzato, erano una costante fonte di insurrezione violenta durante il primo secolo,” spiega. “Quando i Romani esaurirono i mezzi convenzionali contro la ribellione, sono passati alla guerra psicologica. Hanno ipotizzato che il modo per fermare la diffusione di attività missionaria ebraica fosse quello di creare un sistema di credenze in competizione.

Ecco quando la storia del Messia ‘pacifico’ è stata inventata. Invece di ispirare guerra, questo Messia esortava il pacifismo del dare l’altra guancia e ha incoraggiato gli ebrei a ‘dare a Cesare’ e pagare le tasse a Roma”. Gesù è stato basato su una persona reale dalla storia? “La risposta breve è no,” Atwill insiste, “in realtà egli può essere l’unico personaggio di fantasia in letteratura, la cui storia di vita intera può essere ricondotta ad altre fonti. Una volta che tali fonti sono messe a nudo, non manca proprio niente”. La sua più intrigante scoperta avvenne mentre stava studiando “Guerre dei Giudei” di Giuseppe Flavio ( l’unico resoconto storico superstite in prima persona della Giudea del I secolo) e il Nuovo Testamento.

“Ho iniziato a notare una serie di parallelismi tra i due testi”, racconta. “Anche se è stato riconosciuto da studiosi cristiani per secoli che le profezie di Gesù sembrano essere avverate da ciò che Giuseppe Flavio scrisse nella Prima guerra giudaico-romana, ne stavo vedendo decine di altri. Quello che sembra aver eluso molti studiosi è che la sequenza di eventi e di luoghi del ministero di Gesù è più o meno la stessa degli eventi e luoghi della campagna militare di Tito Flavio (imperatore) come descritto da Giuseppe Flavio. Questa è la prova evidente di un disegno volutamente costruito. La biografia di Gesù è in realtà costruita, del tutto, su storie precedenti, ma soprattutto sulla biografia di un Cesare romano. “

Come è potuto passare inosservato nei libri più analizzati di tutti i tempi? “Molti dei paralleli sono concettuali o poetici, in modo che non risulta immediatamente evidente. Dopo tutto, gli autori non volevano che il credente medio potesse vedere cosa stavano facendo, ma volevano che il lettore attento capisse. Un istruito romano nella classe dirigente avrebbe probabilmente riconosciuto il gioco letterario”. Atwill sostiene che può dimostrare che: i Cesari romani ci hanno lasciato una sorta di letteratura puzzle che doveva essere risolta dalle generazioni future, e la soluzione a questo enigma è:

“Abbiamo inventato Gesù Cristo, e ne siamo orgogliosi.”
È questo l’inizio della fine del Cristianesimo? “Probabilmente no”, concede Atwill “, ma ciò che il mio lavoro ha fatto è dare il permesso a molti di coloro che sono pronti a lasciare la religione, di dare un taglio netto. Abbiamo la prova ora per mostrare esattamente da dove la storia di Gesù è venuta. Anche se il Cristianesimo può essere un conforto per alcuni, può anche essere molto dannoso e repressivo, una forma insidiosa di controllo mentale che ha portato alla cieca accettazione della servitù della gleba, della povertà e della guerra nel corso della storia. Ancora oggi, soprattutto negli Stati Uniti, è utilizzato per creare il supporto per la guerra in Medio Oriente.”

LEGGI ANCHE
SE FOSSE ESISTITO 
NON POTEVA ESSERE BIONDO CON OCCHI AZZURRI
COME SPESSO SI VEDE RAFFIGURATO

.

 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALI
 OGNI DESIDERIO  REALIZZATO 
IL TUO FUTURO ADESSO 
entra in
MUNDIMAGO


domenica 3 luglio 2016

Pulizia dalla Plastica negli Oceani Ocean Cleanup



Gli oceani sono ormai intasati dagli oggetti di plastica che gli esseri umani scartano e che vanno a finire in mare. Grazie alle correnti sono cinque le enormi isole di spazzatura che ingorgano le acque 
oceaniche: soltanto nel Pacifico si parla di 150milioni di tonnellate di rifiuti che in alcune zone superano la concentrazione di plankton. In tutto sono 5250 miliardi i pezzi di rifiuti che inquinano gli oceani e i mari. Fino a questo momento l'unica strada consigliata è stata quella di consumare meno plastica per non peggiorare la situazione.

Nel 2013 aveva soltanto 18 anni ma stupì il mondo con una geniale idea sulla pulizia degli oceani dai 
milioni di tonnellate di plastica che stanno mettendo a rischio l'habitat marino. Ora Boyan Slat è riuscito a raccogliere il denaro necessario per mettersi all'opera e cominciare il progetto ambientalista più vasto e ambizioso mai realizzato sul pianeta Terra.


Boyan Slat, nato in Olanda nel 1994, ha rovesciato la percezione del problema: "Era deprimente per me pensare che non si potesse fare nulla se non limitare il consumo". E così nel 2012, chiuso nella propria camera di studente, ha immaginato un sistema che sfrutta le correnti dell'oceano per concentrare la plastica in un unico luogo, riducendo drasticamente
a pochi anni il tempo di pulizia delle acque.

Nel 2013 ha fondato a questo scopo The Ocean Cleanup, con la quale ha ottenuto grazie al 
crowdfunding il denaro necessario (1 milione e mezzo di euro) per costruire il primo prototipo di barriera sottomarina che comincia il test in questi giorni nel mare del Nord. E' la prima volta che Boyan Slat e i tecnici della sua fondazione sperimentano il dispositivo su larga scala.
 Un momento storico.
.
.
L'idea in sintesi è la seguente: un muro a forma di V spingerà la spazzatura in una area delimitata, dalla quale sarà poi semplice prenderla e riciclarla.

Se la tecnologia ideata da Slat avrà successo, potrà essere usata per rimuovere in soli 10 anni almeno 
la metà dei 154 milioni di rifiuti e plastica che ormai galleggiano in quella che viene ormai chiamata la Great Pacific Garbage Patch, una enorme isola di immondizia che si trova nell'Oceano pacifico. Senza la barriera di The Ocean Cleanup e dunque soltanto con l'aiuto delle correnti naturali, gli umani ci metterebbero 79mila anni a ripulire le acque dalla plastica.

“Invece di rincorrere la plastica usano reti e navi, che richiederebbero un tempo infinito, abbiamo 
sviluppato questo sistema", ha spiegato il giovane fondatore di The Ocean Cleanup alla edizione 
americana dell'Huffington Post. "La plastica si muove verso il centro e dunque la concentrazione 
aumenta di 100mila volte. Puoi davvero camminare sull'acqua".

The Ocean Cleanup ha calcolato che se nessuno intervenisse, entro il 2050 gli oceani conterrebbero 
più plastica che pesci. Un'apocalisse ambientalista che Boyan vuole assolutamente evitare, e con lui gli imprenditori che lo stanno aiutando a materializzare il suo sogno ecologista.

Per Slat è anche una lotta contro il tempo: già ora la plastica che galleggia negli oceani interferisce con la vita degli animali e dei pesci, andando a finire nel loro stomaco o imprigionandoli fino alla morte. Ma con il passare del tempo la spazzatura si decompone in micro-plastica ancora più difficile da recuperare, perciò non è il caso di attendere.

Il giovane parla dell'emozione di cominciare finalmente la 
sperimentazione concreta: "Questa è la prima volta che testiamo davvero la nostra idea. Quando ho 
pensato a tutto questo nel 2012, dovevamo capire se poteva funzionare. Abbiamo lanciato una grossa 
spedizione per capire quanta plastica ci fosse attualmente negli oceani. Attraversando l'isola di 
spazzatura nel Pacifico dalle Hawaii alla California con 30 imbarcazioni, abbiamo scoperto che c'era 
molta più plastica di quanto pensassimo, almeno 10 tonnellate in più".


"Ora con questo esperimento testiamo sul serio le nostre idee", continua Slat riferendosi alla struttura di 100 metri che verrà adagiata in questi giorni cinque metri sopra e cinque metri sotto il mare, dove 
rimarrà per un anno: "Il mare del Nord registra tempeste più forti del Pacifico - perciò se resiste qui, può resistere ovunque".

Mentre parte la prima vera sperimentazione della barriera di The Ocean Cleanup, la stessa fondazione raccomanda di cambiare le nostre abitudini quotidiane cercando di usare meno plastica possibile: per 
esempio smettendo di acquistare acqua in bottiglia o riutilizzando gli oggetti di questo materiale come le borse per la spesa, e prediligere il cibo senza imballaggio in plastica. Piccoli cambiamenti che non peggiorano la situazione, e renderanno il lavoro di Boyan Slat sostanzialmente più veloce.

LEGGI ANCHE

ISOLA DI PLASTICA NELL'OCEANO

.

Sono Web Designer, Web Master , Blogger : 
realizzo pagine internet leggere e responsive ,  
creo loghi , e curo i brevetti dai 
biglietti da visita alla insegna luminosa , 
realizzo banner e clip animate per pubblicizzare il vostro sito ,
 contattatemi e sarete on line entro 24 ore. 

Mi trovi QUI 
  http://www.cipiri.com/



sabato 2 luglio 2016

Estate al Mare di Incontri e AMORE


Vi siete appena conosciuti,  ma senti che c’é qualcosa di più, 
qualcosa che in qualche modo già vi lega, una empatia 
che sembra promettere ben più di un semplice flirt . 
Non sai quale siano le sue reali intenzioni e la paura che tutto finisca molto presto 
come una semplice infatuazione inizia a farsi sentire un forte sentimento reciproco.
Ecco qualche piccolo trucco per fare in modo che la paura svanisca
 e che siate finalmente voi a crearvi il vostro destino!  
Ecco dei consigli in AMORE conoscendo il carattere del Partner.
.
.

Se chi ha risvegliato il vostro interesse è:

Ariete: dategli la sensazione di non essere una conquista facile! Mostratevi carine e rassicuranti,
 sexy restando però serie e dolci. Evitate quindi i testa a testa aggressivi.
Conosci il Carattere ARIETE

Toro: un invito a cenare a casa vostra, è l’ideale, accogliendolo magari con il dolce profumo di una torta appena sfornata. Il collo è sicuramente la sua zona erogena per eccellenza, seguito poi dalla bocca. Conosci il Carattere TORO

Gemelli: evitate i discorsi troppo impegnati, accarezzatelo languidamente mentre chiacchierate del più e del meno, permettetegli di divertirsi come se avesse ancora tredici anni.
Conosci il Carattere GEMELLI


Cancro: non lasciatelo troppo solo, ha bisogno d'amore, ditegli che l'amate almeno una volta al giorno. Manifestate un atteggiamento protettivo, rassicurante, e commuovetevi se vi parla con affetto di sua mamma, nonna, zia e perché no, del gatto...
Conosci il Carattere CANCRO

Leone: siate vivaci e sbarazzine, ostentate capelli splendenti e luminosi, e assicuratevi di intensificare lo sguardo grazie all'uso sapiente di ombretto, matita e mascara. Omaggiate la sua pigrizia!
Conosci il Carattere LEONE

Vergine: presentatevi puntuali agli appuntamenti e curate sempre il modo di vestire, distillando pian 
piano la dolcezza con occhiate morbide. Quando sentite che è il momento giusto, prendete l'iniziativa.
Conosci il Carattere VERGINE


Bilancia: mostratevi serie, cercando di sembrare spigliate e decise. Curate l'estetica, ma non create 
false aspettative esagerando con trucco e parrucco.   Conosci il Carattere BILANCIA

Scorpione: tacchi e spillo e abiti molto attillati lo turbano sempre, ma non cedete troppo presto. Per 
eccitarlo non ci sono problemi: è sempre pronto a tutto, ma anche molto intuivo quando si tratta di 
capire e soddisfare i vostri bisogni. Conosci il Carattere SCORPIONE  

Sagittario: look casual, trucco acqua e sapone, gambe toniche e scattanti (possibilmente in bella vista). Non siate troppo statiche, cercate piuttosto di assecondare con entusiamo le sue proposte avventurose. Conosci il Carattere SAGITTARIO


Capricorno: dategli l'impressione di essere lui a dirigere il gioco. Accarezzatelo delicatamente sulla 
schiena, lungo la spina dorsale. Sommergetelo di tenerezze per sciogliere l'apparente gelo del suo 
cuore. Conosci il Carattere CAPRICORNO 

 Acquario: dimostrate un certo amore per le novità e tutto ciò che esula dalle convenzioni. Siate pronte e capaci di adattarvi a qualunque imprevisto. No alle scenate di gelosia!
 Conosci il Carattere ACQUARIO  

Pesci: avvolgetelo in un'atmosfera da fiaba, poi fuggite, lasciatelo in sospeso per qualche giorno, 
quindi.. riapparite magicamente! Liberate con malizia la sua fantasia inesauribile, tenendo alla larga i 
ritmi troppo abitudinari. Conosci il Carattere PESCI



 FAI VOLARE LA TUA 
FANTASIA
ENTRA IN
MUNDIMAGO


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi

Elenco blog AMICI

WAEZE & Miky Lowryder