lunedì 15 ottobre 2012

HANG : strumento musicale

 

Hang

- -

 Ancestrale e moderno, tribale e futuristico, spirituale e tecnologico. Coppie di aggettivi apparentemente inconciliabili, eppure calzanti nel descrivere le due anime simboliche in questo peculiare strumento musicale creato ormai quasi dieci anni fa dalla PANART, azienda artigianale di Felix Rohner e Sabina Scharer.

I due artigiani, da sempre dediti alla costruzione di percussioni in metallo (Steelpan, Gamenlan, Gong, Ciotole tibetane), per andare incontro alle particolari richieste di Reto Weber, noto percussionista svizzero in cerca di uno strumento che fosse evoluzione del Gatham, abbinarono uno Steelpan rovesciato ad una semisfera dello stesso metallo, dotata di un foro centrale di sfiato. Il risultato fù una sorta di disco armonico da suonare con le mani, che univa i sovratoni e le note penetranti del metallo all’afflato gutturale del Gatham.

A questa nuova creatura venne attribuito il nome di Hang che, nel dialetto bernese, significa “mano”.
Restavano però ancora da risolvere alcune problematiche: l’ingombro dello strumento ne rendeva scomodo l’utilizzo e poco incisiva la componente risonante dell’aria all’interno del corpo.

- -
Gli artigiani intrapresero così un percorso teso allo sviluppo di materiali, forma e intonazione che li portò nell’evoluzione dello strumento ad avvalersi di studiosi ed esperti di fisica e metalli. La forma del corpo diventò più piccola e schiacciata, permettendo al percussionista una maggiore comodità di utilizzo poggiandolo sulle ginocchia, nonché una miglior risposta dell’aria che circola al suo interno. Le prove sul materiale portarono al miglior rendimento del PANG-Bleach, la lamiera composta da metallo arricchito di nitrogeno che ,tramite una lunga serie di lavorazioni, viene modellata ed intonata.


Per tenere assieme le due parti in modo funzionale, fu previsto un anello di ottone ripiegato. Nel frattempo, l’Hang cominciò a far parlare di sé negli ambienti percussivi, richieste di informazioni e proposte di acquisto arrivavano da ogni parte del globo. Il suo suono così particolare, per alcuni dotato persino di una componente spirituale, e l’aspetto futuristico ne suscitarono il successo.
Può capitare, passeggiando per le vie delle grandi metropoli, di venire attratti dal suono straordinario e dalla forma curiosa di questo strumento, nelle mani di artisti di strada, novelli portatori di una filosofia molto particolare che con gli anno sembra divenire sempre più importante anche nell’etica stessa dei costruttori.


Felix e Sabina decisero quindi di organizzare un canale distributivo adeguato, scegliendo un solo negozio per nazione, imponendo un prezzo fisso allo strumento. Col passare del tempo questa soluzione venne scartata, preferendo la vendita diretta da Berna verso tutto il mondo.

- -
Gli Hanghang (plurale di Hang) sono dunque venduti solo per un certo periodo dell’anno, presso l’Atelier di Berna, o spediti a coloro che non hanno possibilità di fare un viaggio in Svizzera.
E’ necessario contattare l’atelier via posta per avere l’ok dei costruttori (attenzione: solo posta cartacea, Felix e Sabina non amano particolarmente la rete e le comodità della posta elettronica ed hanno persino chiuso il loro sito web).


Questa sorta di selezione ha un semplice motivo: la rarità dello strumento, tutto artigianale e prodotto in un numero limitato di esemplari, ha fatto si che si creasse un mercato parallelo dei vecchi modelli in vendita a cifre assurde.

- -
Per tutelarsi Felix e Sabina hanno così deciso di vendere l’Hang a condizione che l’acquirente, tramite contratto, si impegni ad informarli dell’eventuale intenzione di rivenderlo, cosicché possano decidere se ritirarlo loro stessi o valutare il nuovo compratore… che non dovrà pagare una cifra superiore a quella imposta. Qualcuno potrà pensare che queste siano preoccupazioni esagerate, ma basta fare una piccola ricerca in rete per incappare in annunci di vendita di Hanghang a cifre incredibili!


Al momento dell’acquisto, l’acquirente viene lasciato solo in una stanza con decine di Hanghang da provare con tutto il tempo necessario: ciascuno dovrebbe poter trovare il proprio. Ogni Hang è numerato, datato e firmato da Felix e Sabina. Compresa nel prezzo, una custodia rigida o morbida (a scelta) fatta con materiali naturali (canapa).


Il prezzo per il 2011 è di € 1400.

Hang Playing Hedge Monkeys

 - -

Hang – Evoluzione integrale

L’ultima evoluzione dello strumento è stata definita integrale. Per anni Felix e Sabina hanno prodotto Hanghang caratterizzati da scale diverse, provenienti dalla tradizione musicale di ogni parte del mondo: col tempo hanno deciso di produrre una sola scala. L’atmosfera multistrato (risonanza dell’aria nella cavità dello strumento) ha come centro un re2. Il Ding, la protuberanza centrale, è accordato in re3, mentre le sette note satelliti (o campi sonori) sono: la3, sib3, do4, re4, mi4, fa4, la4 disposto in ordine armonico.


Questa combinazione è ritenuta dai costruttori la più adatta alle dimensioni ed al tipo di materiale e contribuisce alla filosofia dello strumento, avere un’unica scala per tutti gli Hanghang fa si che si possa raggiungere una sorta di valore utopico dello strumento: una melodia universale da potersi suonare in ogni parte del globo.

- -
Utilizzando le dita, i polpastrelli o il palmo della mano è possibile ottenere suoni più o meno definiti, carichi di armonici e risonanze molto interessanti. Una vera e propria tecnica dello strumento non esiste ancora, vi è molta libertà nell’approccio.

- -
Dall’Hang nascono sonorità affascinanti, che colpiscono nel profondo anche l’ascoltatore meno attento.


E’ indiscutibilmente uno strumento che non passa inosservato. Ruotandolo sulle ginocchia per porre i campi sonori in posizioni diverse, si ottengono combinazioni variegate e sempre interessanti.
Il limite delle otto note risulta in tal modo meno influente. Osando un po si possono ottenere soluzioni molto originali. Se ben utilizzato, l’Hang mantiene l’accordatura per molto tempo ma, ovviamente, un “tagliando” a Berna prima o poi bisogna metterlo in conto.

. .
.


NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://www.mundimago.org/carte.html

FATTI UN REGALO

http://www.mundimago.org/dona_cofanetto.html

GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO



.
blog imagomundi



.
.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti Internet e Blog personalizzati , visita - http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lettori fissi

Elenco blog AMICI

  • Stefano Rodotà, grazie professore - Le abbiamo voluto bene come a un padre Si dice “padri della patria” per indicare chi ha fatto da guida. Salutando Stefano Rodotà, dobbiamo dire addio a u...
  • Siamo Single - Quando regalerai un fiore ricorda....dovra' profumare di te...del tuo amore...avere il colore delle tue attenzioni e la grandezza del tuo rispetto...ma r...
  • MAGNESIO - MAGNESIO: il minerale che aiuta a curare quasi tutto E’ lo scarto del sale, ma è indispensabile per l’attività di oltre 300 enzimi e svolge un ruolo fonda...
  • Privacy Policy e Google Analytics - Google ha iniziato ad apportare alcune modifiche alla funzionalità di Remarketing di Google Analytics, arricchendola con le informazioni e i dati cross-d...
  • Scoperti altri ESOPIANETI - L’annuncio della scoperta degli esopianeti è una delle notizie scientifiche più importanti degli ultimi anni. I sette nuovi esopianeti, con dimensioni p...

WAEZE & Miky Lowryder